Assicurazione viaggi: in alcuni Paesi è obbligatoria

Stipulare una polizza di assicurazione viaggi è indispensabile per godersi la propria vacanza all'estero in tutta tranquillità. Ma l'assicurazione viaggi è un requisito obbligatorio?

In molti paesi del mondo, stupulare una polizza di assicurazione viaggi non è obbligatorio ma consigliato, soprattutto se si tratta di località che prevedono alti costi per cure mediche o particolari rischi per la salute. 
Tuttavia, esistono alcune destinazioni che, per la concessione del visto turistico, prevedono la stipulazione obbligatoria di una polizza assicurativa viaggi. Queste sono Russia, Cuba e Thailandia

L'obbligo di assicurazione viaggi in Russia

Per ottenere il visto di ingresso per Russia, Cuba e Thailandia l'assicurazione viaggi è obbligatoria. In Russia le strutture ospedaliere sono di livello inferiore rispetto al modello occidentale. Si registrano anche alcune epidemie influenzali tra cui episodi di influenza suina

Non ci sono particolari obblighi legati ad eventuali vaccinazioni necessarie per accedere sul territorio, ma è importante essere sicuri che la propria assicurazione viaggi copra anche le spese necessarie per l'eventuale rientro sanitario in patria o per lo spostamento in un paese limitrofo.

 

 

Le caratteristiche di un'assicurazione viaggi per Cuba

A Cuba l'assistenza medica locale non è pari a quella indicata dai parametri europei al di fuori degli ospedali per stranieri presenti sul territorio. Qui le spese per cure mediche sono elevate e devono essere pagate in valuta presso l'Ambasciata, motivo per cui l'obbligo di stipulare un'assicurazione viaggi per entrare nel Paese risulta importante dal momento che l'Ambasciata non può in alcun modo anticiparle. 

A Cuba, inoltre, l'assicurazione viaggi deve essere emessa da entità assicurative riconosciute dal Paese. Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma è sempre bene sapere che tra le malattie più diffuse del luogo figurano conguntivite emorragica e virus gastrointestinali.

La politica tailandese sull'assicurazione viaggi

In Thailandia, infine, le strutture sanitarie pubbliche sono di buon livello (quelle private addirittura ottime) ma si è registrato un sovraccarico di turisti stranieri negli ospedali nazionali che ha provocato l'aumento dei costi relativi alla sanità. Pertanto, è richiesta ai turisti stranieri un'assicurazione viaggi che copra le eventuali spese sanitarie prima di entrare nel Paese.

In Thailandia si riscontrano malattie tropicali tra cui malaria e lebbra, così come patologie provocate da punture di insetti. Vige, inoltre, l'obbligo di vaccinazione per tutti i viaggiatori al di sopra dell'anno di età provenienti da zone a rischio trasmissione di febbre gialla.