Un viaggio in Bulgaria da Sofia al Mar Nero attraverso le montagne

Se ancora non ci avete pensato, sappiate che la Bulgaria è uno dei paesi più belli di tutta Europa. Sì, avete capito bene. In Bulgaria c'è tanto, ma davvero tanto da vedere, a dispetto di quanti hanno sempre fatto spallucce all'idea di soggiornarvi per almeno una settimana e scoprire il fascino di questa vera e propria perla dei Balcani.

Non è da molto tempo che la Bulgaria si presenta alla ribalta del turismo internazionale, eppure da sempre le sue attrattive urbane e paesaggistiche offrono allo sguardo del visitatore montagne maestose, spiagge dorate e un susseguirsi di culture e tradizioni che dal Mediterraneo si estendono fino al cuore dell'Europa orientale.

Anche solo visitare la sua capitale, Sofia, consente al viaggiatore di ammirare splendide chiese e moschee ottomane, oltre a una notevole serie di edifici la cui costruzione rispecchia una varietà architettonica non di poco conto.

Spicca, in particolare, la cattedrale di Aleksander Nevski – costruita in onore dei soldati bulgari caduti durante la guerra russo-turca per l'indipendenza del paese – ma tanti sono anche i resti antichi e gli scavi archeologici, così come gli spazi aperti e i parchi naturali dove poter passeggiare o andare in bicicletta. Prezzi contenuti, panorami sorprendenti e una continua meraviglia sprigionata dal paesaggio circostante sono le caratteristiche principali anche di Plovdiv, i cui sotterranei conservano intatti i resti di epoca romana mentre la città esterna offre un equilibrio di antico e moderno creando contrasti interessanti.

Per gli amanti del trekking, poi, è a dir poco imperdibile un passaggio verso i tanti itinerari che consentono di ammirare foreste, laghi e cascate circondati da una folta fauna e dagli spettacolari panorami montuosi offerti dalla catena dei Balcani. Ma anche chi desidera godersi una vacanza fatta di sole e mare c'è di che rimanere soddisfatti: la costa del Mar Nero bulgaro, infatti, specialmente nelle zone di Varna e Nesebăr, presenta temperature miti, clima soleggiato, ampie spiagge e prezzi assolutamente accessibili.
 

 

Il periodo migliore per un viaggio in Bulgaria

Il periodo migliore per scegliere di trascorrere una vacanza in Bulgaria è abbastanza ampio e va dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno. In questi mesi le temperature sono più gradevoli se confrontate con quelle dell'inverno, solitamente rigido soprattutto nella zona di Sofia.

Nei dintorni di Burgas, in particolare, le temperature estive toccano i 28°C nel mese di Luglio, con minime notturne quasi mai inferiori ai 18°C. Sulla costa del Mar Nero, oltre a temperature gradevoli nei mesi di Luglio e Agosto (in media 27°C), si hanno scarse precipitazioni (non più di 4-5 cm di pioggia al mese), con aumenti di intensità in Novembre. L'estate resta il periodo meno piovoso dell'anno anche nelle regioni meridionali del paese.

 

 

Documenti necessari per l'ingresso in Bulgaria

La Bulgaria fa parte dell’UE dal 1 Gennaio 2007, ma non è ancora integrata nello Spazio Schengen. Pertanto, per l'ingresso in Bulgaria, è necessario esibire un documento in corso di validità.

Per i cittadini dei Paesi membri dell'Unione Europea, dei Paesi dello Spazio Economico Europeo e della Confederazione Elvetica è possibile transitare e permanere in Bulgaria fino ad un massimo di 90 giorni all'interno di un semestre, utilizzando solo la Carta d'Identità valida per l'espatrio (o il passaporto).

Talvolta può capitare che le Autorità di frontiera bulgare non riconoscano come documenti validi per l’ingresso nel Paese le carte di identità cartacee rinnovate con timbro. Frequenti sono anche i casi di respingimento alla frontiera di cittadini italiani in possesso di carte di identità danneggiate o deteriorate, motivo per cui è sempre bene controllare la perfetta integrità e la leggibilità del proprio documento.

Se si ha intenzione di soggiornare in Bulgaria per un periodo che va oltre i tre mesi, è necessario registrarsi presso le Autorità di Polizia – Settore Migrazione  (ODVR - Sektor Migratzia ОДВР – Сектор Миграция) del capoluogo della regione (Oblast) dove ci si è trasferiti. Il settore Migrazione rilascerà un certificato in forma di tessera di residenza per cittadini UE. 

Quanto alle formalità doganali, è possibile esportare e importare somme economiche fino a 10.000 euro senza dichiarazione scritta. Per cifre superiori occorre dichiarare per iscritto, oltre all'importo e al tipo di valore, il titolare, la provenienza, l'uso, il veicolo di trasporto, la destinazione ed il percorso. L'importazione e l'esportazione di pietre e metalli preziosi è gratuita nelle seguenti proporzioni: oro e platino in forma non trasformata e semi-lavorata fino a 37 grammi; gioielli e accessori in oro e platino fino a 60 grammi; argento in forma non trasformata e semi-lavorata, così come gioielli, fino a 300 grammi.

 

 

 

Bulgaria - Situazione sanitaria e assicurazione viaggio

L'assistenza sanitaria in Bulgaria è complessivamente soddisfacente. Il personale medico e infermieristico possiede un’adeguata professionalità, mentre nelle maggiori città e nei principali centri turistici sono reperibili i farmaci più comuni.
Ad ogni modo, per specifiche patologie e in caso di cure prolungate – specialmente per soggiorni in zone periferiche del Paese – è cosigliabile di dotarsi di un’adeguata scorta di farmaci prima della partenza.

Si raccomanda comunque di stipulare preventivamente anche una polizza assicurativa in grado di coprire le spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.
 

Parti con Amerigo alla scoperta della Bulgaria!
Calcola il tuo preventivo per l'assicurazione viaggio


Non si segnalano particolari fenomeni sanitari o epidemie rilevanti e non vigono obblighi di vaccinazione, ma si consiglia comunque di adottare misure preventive contro le punture di zanzara, di bere acqua minerale e bevande in bottiglia (senza aggiunta di ghiaccio) e di consumare frutta e verdura fresca solo dopo averla accuratamente lavata.
 

 

Bulgaria - I consigli della Farnesina

Il quadro politico e di sicurezza locale è stabile, ma si consiglia di prestare attenzione a frequenti episodi di microcriminalità ai danni dei turisti nei pressi di Sofia e nelle zone costiere durante il periodo estivo.

È consigliabile anche parcheggiare i veicoli in luoghi visibili e/o a pagamento, se la struttura dove si è ospitati è priva di un'area sorvegliata di proprietà, oltre a prestare cautela se si viaggia da soli e con mezzi propri.

È sempre bene, poi, non affrontare lunghi percorsi extraurbani nelle ore serali e notturne – in particolare con veicoli di lusso o con targhe estere – come anche non fermarsi su invito di persone che non indossino l’uniforme o siano a bordo di auto che non portino segni distintivi della Polizia chiaramente riconoscibili.

Nel caso si venga fermati da pattuglie di Polizia, è opportuno mantenere la calma evitando di scendere dall’auto a meno che la situazione non lo richieda. Si suggerisce di fornire solo i documenti necessari al controllo. In caso di contravvenzione, è consigliabile farsi rilasciare ricevuta e annotare il numero di targa dell’auto della Polizia.

Fate attenzione, poi, a non mostrare denaro contante o esibire gioielli e valori in generale, oltre a non usare le carte di credito al di fuori dei grandi alberghi, dei ristoranti e degli esercizi commerciali più importanti.

In caso di furto di documenti, serve presentare denuncia presso la locale autorità di Polizia entro tre giorni dall’accaduto. Rivolgendosi, poi, alla Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d'Italia (Ul. Shipka, 2 – Sofia), si otterrà un documento di viaggio d’emergenza (ETD) per consentire il rientro in Italia. La Cancelleria Consolare è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e il martedì e giovedì dalle 15:00 alle 16:00. Nel fine settimana e nei giorni festivi sarà possibile rilasciare gli ETD solo in casi di comprovata emergenza (incidenti, arresti, gravi problemi medici, calamità naturali, serie situazioni familiari).

Si invitano i connazionali che viaggiano in Bulgaria a munirsi di due documenti diversi da custodire separatamente (ad esempio: carta d’identità da tenere con sé e passaporto da custodire in altro luogo sicuro).