Un viaggio in Belize nel cuore della barriera corallina

 

C'è un posto tra il Messico e il Guatemala che si affaccia sul meraviglioso mare caraibico e che più di tanti altri accoglie il viaggiatore tra le braccia di un paesaggio naturale splendidamente incontaminato.
È il Belize, vero e proprio angolo di paradiso fatto di culture secolari e ricchissimo di sorprendenti siti archeologici ma soprattutto di una rigogliosa fauna selvatica e una barriera corallina seconda solo a quella australiana per fascino e grandezza.

Viaggiare nel cuore del Belize vuol dire addentrarsi nell'anima di una natura il cui verde si associa ad antichi reperti in grado di suscitare assoluto stupore agli occhi del visitatore. Ne è un esempio valido Caracol, forte dei suoi templi erosi dal tempo e di piramidi pietrose che mantengono intatta la memoria della civiltà Maya, padrona millenaria di queste terre.

Numerose sono anche le meraviglie protette che il Belize propone al cospetto del viaggiatore. Il Cockscomb Basin Wildlife Sanctuary, ad esempio, è un parco interamente dedicato alla tutela del giaguaro, mentre l'isola di Half Moon Caye si rivolge alla salvaguardia dei volatili.

Ma, come accennato, l'attrazione più irripetibile che il Belize è capace di offrire al visitatore è la sua incommensurabile barriera corallina: è incredibile come l'interminabile varietà naturale offerta da coralli multicolore riesca a vivere in simbiosi con la possibilità di immergersi in acque cristalline, specialmente nella zona del Great Blue Hole, uno dei luoghi per immersioni più famosi al mondo.

Ma il Belize è anche cultura e tradizione, caratteristica particolarmente evidente se si osserva la popolazione ricca di mescolanze tra etnie e lingue di varia estrazione: garifuna, mestizo, spagnolo, maya, inglese, libanese, cinese, indiano e menonita convivono apertamente in un'armonia umana apertamente riscontrabile in città affascinanti come San Ignacio, Punta Gorda, Belmopan (la capitale) o Belize City.

Ma affinchè un viaggio in Belize diventi davvero memorabile, ci sono tutta una serie di consigli che faresti bene seguire. Vediamoli insieme.

 

 

Quando andare in Belize

Per poter godere di un adeguato e tranquillo soggiorno in Belize, il periodo ideale per la partenza è quello che va da febbraio fino a metà maggio. Si tratta di un periodo dell'anno di alta stagione in cui scarseggiano le piogge tropicali (concentrate tra giugno e gennaio, con particolare intensità da giugno a ottobre).

Il clima del Belize, per l'appunto, è di tipo tropicale e prevede temperature oscillanti, in media, tra i 23°C e i 30°C, con leggeri ribassi nelle zone costiere. La zona meridionale del Belize presenta precipitazioni più abbondanti (quasi il doppio rispetto alle zone settentrionali). Nello specifico, è il periodo che va da agosto ad ottobre quello più soggetto al passaggio di uragani che, spesso, causano ingenti danni a diverse località.

Per quanto riguarda le acque marine, la temperatura si mantiene costante sui 28°C nell'arco dell'intero anno.

 

 

Cosa serve per entrare in Belize

Per quanto riguarda la documentazione necessaria per l'ingresso in Belize, è necessario un passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell'ingresso nel Paese. Nel caso in cui dovessero essere introdotte modifiche a tale norma, il consiglio è quello di informarsi presso l'Ambasciata o il Consolato del Belize presente in Italia.

Non è richiesto un visto d'ingresso per turismo se non si superano i 90 giorni di permanenza nel Paese. È obbligatorio, invece, essere in possesso di un biglietto aereo sia di andata che di ritorno e di una valuta necessaria per le spese di soggiorno.

Non è presente un'ambasciata italiana in Belize, pertanto si consiglia di rivolgersi, in caso di necessità, all'Ambasciata d'Italia in Messico, sita in Città del Messico (Av. de las Palmas, 1994

Lomas de Chapultepec, 11000 Messico, D.F; telefono +52 55 5596 3655; fax: +52 55 5596 7710, 5596 2472; e-mail: segreteria.messico@esteri.it).


 

 

Situazione sanitaria, mobilità e assicurazione viaggio

La situazione sanitaria del Belize è generalmente discreta. Tuttavia, il costo dei medicinali anche di uso comune è alquanto elevato e le strutture mediche presentano dei limiti logistici. È indispensabile, dunque, munirsi di un'adeguata assicurazione viaggio che sia in grado di coprire eventuali spese mediche e fornire la possibilità di trasferimento in strutture meglio organizzate anche in paesi limitrofi o di rientro sanitario verso il Paese di provenienza.

È stato registrato di recente un aumento di casi accertati di dengue, malattia endemica in loco. È necessario, dunque, portare con sé repellenti come prodotti anti-zanzare, preferire un tipo di abbigliamento che copra adeguatamente il proprio corpo e fare ampio uso di zanzariere.

È obbligatorio presentare un certificato di vaccinazione nei confronti della febbre gialla per i viaggiatori di età superiore a un anno provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia.

Per quanto riguarda le condizioni di mobilità, in Belize gli incidenti stradali sono abbastanza frequenti. Pertanto, si raccomanda di prestare particolare attenzione durante gli spostamenti specialmente nelle zone meridionali, dove le condizioni di transito autostradale sono alquanto precarie e fortemente soggette a condizionamenti atmosferici.

 

 

I consigli della Farnesina

Per trascorrere una tranquilla vacanza in Belize, la Farnesina consiglia di non avvicinarsi troppo ai confini con il Guatemala in quanto zone ad elevato rischio criminale. È consigliabile prestare attenzione anche nelle città di Belize City e Dangriga, dove possono verificarsi episodi di criminalità comune (furti, rapine, ecc) anche a danno di turisti stranieri.

La Farnesina consiglia anche di evitare di transitare nelle ore notturne in aree poco illuminate e poco frequentate e di non ostentare oggetti personali di valore.

Per effettuare cambi di valuta, poi, è consigliabile recarsi esclusivamente in banche, agenzie autorizzate o rivolgersi all’albergo in cui si alloggia.

Per gli spostamenti, è preferibile usufruire solo di taxi autorizzati e, in caso di gite, di autovetture e guide segnalate dall’albergo o da agenzie turistiche. Si consiglia di non parcheggiare le auto in posti isolati e non lasciare al loro interno oggetti di valore (videocamere, macchine fotografiche, ecc.), non dare passaggi a persone sconosciute e rivolgersi esclusivamente a persone qualificate per ottenere informazioni circa indirizzi o località turistiche.

Le Autorità del Belize sono particolarmente rigide nel controllo e nella repressione del traffico di stupefacenti. Si segnala, negli ultimi tempi, un preoccupante incremento del narcotraffico ed un conseguente aumento degli arresti di cittadini locali e stranieri coinvolti in queste attività illecite.