Un viaggio tra le meraviglie del Guatemala

 

Può non essere il primo pensiero dei turisti più desiderosi di raggiungere luoghi remoti, selvaggi o più affascinanti da un punto di vista prettamente naturalistico, eppure anche il Guatemala, come molte altre splendide zone del Centro e del Sud America, riserva agli occhi degli appassionati alcune tra le più indimenticabili meraviglie del mondo.

Ricchissimo di secolari tradizioni e luoghi incredibili, ma anche di splendidi siti archeologici e vere e proprie perle della natura, il Guatemala rientra tra quei posti perfettamente in grado di regalare esperienze incomparabili a chiunque provi a fare tesoro delle sue meraviglie nascoste.

Lo dimostrano, ad esempio, vere e proprie località mozzafiato come quelle che circondano il Lago Atitlan, da molti considerato come il lago più bello di tutta l'America Latina per via delle sue limpidissime acque color smeraldo, i suoi sontuosi vulcani e i caratteristici paesini che sorgono sulle sue rive.

A proposito di vulcani, per gli amanti delle più pure forze della natura dovrebbe essere imperdibile un passaggio nei pressi del Volcàn de Fuego, estremamente affascinante per via della sua particolare attività stromboliana ma, proprio per questo, spesso identificato come pericoloso in quanto capace di eruzioni anche molto violente.

Riuscendo a sorvolare, però, sui rischi legati a questo come ad altri fenomeni naturali e non (tra i quali si annida una certa carenza di infrastrutture assieme ad una complessa morfologia del territorio), non si può evitare di visitare il bellissimo Parco Archeologico di Tikal, riconosciuto come il più famoso sito Maya di tutto il Guatemala. Qui, in particolare, le splendide piramidi sono immerse nel cuore di una fitta e vasta giungla che ne risulta letteralmente sovrastata.

Imperdibili, però, sono anche posti come Semuc Champey – con le sue meravigliose piscine naturali immerse in una stupenda vegetazione tropicale – e Rio Dulce (una specie di porta d'ingresso per i Caraibi e sede della fortezza-castello di San Felipe, attualmente la principale attrazione turistica del posto).

 

 

Il periodo migliore per una vacanza in Guatemala

 

Capire qual è il periodo migliore per godere di una tranquilla e serena vacanza nei luoghi centro-sudamericani, tra cui il Guatemala, non è mai semplicissimo. Ecco perché queste poche ma importanti informazioni possono aiutarci a non incappare in spiacevoli inconvenienti o in condizioni climatiche particolarmente sfavorevoli. Proprio il clima, infatti, è l'incognita principale da tenere in considerazione per potersi garantire un soggiorno indimenticabile in questo vero e proprio paradiso terrestre.

Quello del Guatemala, considerando la sua latitudine, è un clima di stampo prettamente tropicale, quindi con temperature elevate praticamente per tutto l'anno, anche se variabili a seconda dell'altitudine.

Le precipitazioni più abbondanti hanno luogo nei mesi che vanno da Maggio ad Ottobre, soprattutto sulla costa orientale che si affaccia sul Mar dei Caraibi. Qui, in quel periodo, possono avere luogo anche cicloni tropicali con piogge violente e abbondanti. Il periodo più secco, invece, è quello che va da Novembre ad Aprile, arco di tempo in cui le temperature sono alte ma i livelli di umidità rimangono relativamente bassi.

Nella zona centrale del Guatemala è possibile riscontrare temperature costanti ma precipitazioni più abbondanti nel corso dell'intero anno, fatta eccezione per i mesi di Febbraio, Marzo e Aprile. A nord, invece, è possibile trovare temperature più basse nel periodo invernale e afa particolarmente consistente nel resto dell'anno.

Il consiglio di Amerigo per un sereno viaggio in Guatemala, in definitiva, è quello di preferire il periodo che va dai primi di Dicembre a metà Aprile, con predilezione per i mesi di Febbraio, Marzo e Aprile se si sceglie di recarsi nelle zone settentrionali del paese.

 

 

 

Cosa serve per entrare in Guatemala?

 

Una volta scelta la propria meta e organizzato per intero il proprio viaggio, bisogna mettere a posto le carte necessarie per l'ingresso nel paese.

Per quanto riguarda il passaporto, questo deve avere almeno sei mesi di validità al momento di ingresso in Guatemala. Il visto d'ingresso, invece, non è richiesto se la permanenza non supera i 90 giorni. Nel caso in cui si renda necessaria una proroga oltre tale periodo, occorre rivolgersi alla “Direcciòn General de Migraciòn” (indirizzo 4a calle 4-37, zona 9; telefono 2360 8546), pena il pagamento alla frontiera di una multa equivalente a 20 quetzales (2 euro circa) per ogni giorno di eccesso.

Il visto d'ingresso è necessario, invece, se la visita ha motivazioni diverse da quelle turistiche (come, ad esempio, esigenze di studio, ricerca o volontariato) pur rientrando nei 90 giorni previsti per l'ingresso turistico nel paese.

 

 

Altri consigli utili

 

La moneta in corso legale nel Guatemala è il Quetzal (GTQ). Questa valuta non è reperibile in Italia, pertanto occorre effettuare il cambio una volta arrivati a destinazione presso banche o apposite “casas de cambio”. Il cambio Quetzal – Euro è soggetto a normali fluttuazioni valutarie, per controllare le quali si consiglia di visitare questo sito: http://www.xe.com/ucc/convert/?Amount=1&F rom=CUC&To=EUR.

Nelle città e nelle principali mete turistiche sono accettate le principali carte di credito internazionali quali Mastercard, Visa e American Express.

Per quanto riguarda le comunicazioni, invece, la compagnia telefonica nazionale si chiama Guatel ed è presente sul territorio attraverso uffici in ogni città del paese. Per le telefonate locali i prezzi sono molto contenuti, mentre quelle estere sono molto costose e prevedono un minimo di tre minuti di conversazione. Connessioni Internet sono presenti nelle principali località turistiche.

Per ciò che concerne l'utilizzo di corrente elettrica, il voltaggio di comune utilizzo è pari a 110 volt. Ciò rende necessario munirsi di un apposito riduttore di tipo standard a due lamelle piatte, tranquillamente acquistabile anche in Italia.

Per l'abbigliamento, poi, si consiglia di preferire abiti leggeri (meglio se in cotone), t-shirt, cappelli, foulard, occhiali da sole, creme solari, ciabatte di gomma, sandali, scarpe da ginnastica comode per godersi le proprie escursioni. Si rende necessario, invece, un impermeabile per la stagione delle piogge (nel cui periodo si consiglia di vestire con jeans e maglie pesanti).

 

Preventivo gratuito


Qual è la tua destinazione?

Quando parti e quando torni?

Quanti sono i viaggiatori?