Un salto in Honduras, tra le rovine Maya, i vascelli dei corsari e le città dei coloni

Da sempre considerato uno dei paesi più affascinanti e misteriosi di tutto il Centro America, con le sue incantevoli spiagge, le famose (e quasi inesplorate) isole Cochinos e le rovine di uno straordinario passato, l'Honduras è un paese incredibile che saprà conquistare il tuo cuore.

Caratterizzato da un esotico profilo e un territorio particolarmente selvaggio, è una meta ancora molto sottovalutata da turisti e viaggiatori, probabilmente per via della torbida immagine che i media forniscono di questo splendido Paese, in passato piegato dalle repressioni, dalla criminalità e dai traffici di droga.

Eppure le sue spiagge non hanno nulla da invidiare a quelle degli altri paesi caraibici. Così come le sue colorate città, che riflettono la celebre ospitalità honduregna.
E come se non bastasse qui tutto profuma di storia: quella dei popoli autoctoni e delle loro città d'oro, dei conquistadores che li hanno colonizzati e dei pirati che li hanno depredati. 
Insomma, l'Honduras ha tutto quello che serve per rendere un viaggio una grande avventura.

Sebbene però la situazione socio-politica sia ora più stabile, la prudenza non è mai troppa. Ecco allora tutte le precauzioni che ti consigliamo di adottare per assicurarti una vacanza davvero incredibile. A partire dall'Abc, ossia da quando andare e come arrivare in questa incantevole terra ricca di storia!

 

 

Quando andare in Honduras

Partiamo dalle basi, cioè quando è meglio prenotare un viaggio in Honduras?

Va detto che l'Honduras si trova nella fascia tropicale del pianeta e per questo il suo clima è caratterizzato da una stagione secca che va da novembre ad aprile, ed una stagione umida nel resto dell’anno. La parte settentrionale caraibica dell’Honduras, a clima più equatoriale, ha un tasso di precipitazioni però più elevato rispetto al resto del paese, con piogge praticamente tutto l'anno e un lieve calo delle stesse solo tra febbraio e metà maggio. Senza contare che, come nel resto dei Caraibi, il periodo tra giugno ed ottobre, specialmente il mese di agosto, può essere interessato dal passaggio degli uragani, particolarmente dannosi in questa zona.

Le temperature sono particolarmente afose nel periodo più umido da maggio ad ottobre e sono più intense nell’Honduras meridionale. Durante il periodo secco (novembre-aprile) i venti alisei provenienti dal nord rendono invece fresche le giornate nelle zone più settentrionali.

Quanto alla temperatura dell’acqua del mare, in Honduras è calda in tutte le stagioni e si aggira mediamente intorno ai 27-28°C.

Il periodo migliore per un viaggio in Honduras quindi, volendo alloggiare sulla più frequentata costa caraibica, va da metà febbraio ad aprile. Per un tour più ampio del paese vanno invece bene anche i mesi da novembre a metà maggio.
 

 

Documentazione necessaria - Honduras

Per entrare nel paese è necessario essere in possesso di un passaporto in corso di validità.
Quanto al visto d'ingresso, non è necessario per soggiorni turistici fino a 90 giorni.

Si noti però che non è consentito al momento dell'ingresso nel Paese essere in possesso di somme di contanti complessive oltre i 10.000 dollari USA (o l’equivalente in Euro). A

Al riguardo, si segnala che il sistema giudiziario locale prevede pene molto severe in caso di trasgressione al suddetto limite e che rigorosi controlli vengono effettuati anche sui quantitativi di valuta in uscita dal Paese.

 

 

Salute e assicurazione sanitaria

Le condizioni sanitarie sono migliori nelle zone residenziali della capitale ed in quelle dei principali centri urbani, dove soprattutto nelle strutture private, esistono medici formati negli USA ed in Europa.

Si raccomanda sempre e comunque di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.

In generale la Farnesina consiglia di:

  • far bollire l’acqua per evitare rischio d’infezioni gastro-intestinali;
  • non consumare cibi crudi;
  • lavare con accuratezza e disinfettare verdura e frutta;
  • bere soltanto acqua e bevande in bottiglia, senza l’aggiunta di ghiaccio;
  • vaccinarsi, previo parere medico, contro l’epatite A e B;
  • seguire la profilassi antimalarica, previo parere medico, se ci si reca nella zona della "Mosquitia”, regione umida e paludosa situata nel Nord-Est del Paese, a maggiore rischio di contrazione della malattia.

 

 

I consigli della Farnesina

In generale la Farnesina invita ad adottare un comportamento improntato alla massima prudenza, soprattutto nelle Capitale (Tegucigalpa), a San Pedro Sula e nel Dipartimento di Atlantida, in particolare nella citta' di La Ceiba.

Si raccomanda inoltre di evitare gli spostamenti a piedi e utilizzare sempre mezzi propri o radio taxi autorizzati e di fiducia (evitare se possibile il trasporto pubblico e l’autostop). È inoltre altamente sconsigliato optare per il turismo individuale: meglio preferire sempre i viaggi di gruppo con Agenzie turistiche affidabili.

Non portare poi mai con sé somme di denaro eccessive e non mostrare oggetti di valore (sono da considerarsi oggetti di valore anche cellulari di livello medio, computer portatili, palmari, macchine fotografiche, macchine fotografiche digitali, ecc.). Evitare anche di circolare di notte in zone isolate o povere delle città.

Quanto alla mobilità, si invita a prestare attenzione al traffico automobilistico dal momento che sono numerosi gli incidenti dovuti, in gran parte, alla guida indisciplinata e alla scarsità di segnaletica luminosa sulle arterie stradali di collegamento.

Fare sempre poi attenzione alle spiagge che, soprattutto nella stagione delle piogge, vengono infestate da insetti di vario genere, la cui puntura può provocare fastidiose reazioni allergiche.