Madagascar, alla scoperta della quarta isola più grande del mondo

Partire per un viaggio in Madagascar significa esplorare la quarta isola più grande al mondo, scoprire meraviglie naturali impareggiabili, venire a contatto con una moltitudine di etnie e con le loro usanze, tradizioni, vite… e molto, molto altro ancora.

Del resto questo Paese è davvero unico: basti pensare che il 5% di tutte le specie animali e vegetali conosciute può essere trovato qui, e solo qui. Senza contare che pochi – anzi pochissimi - paesi sulla Terra possono vantare la compresenza di canyon di arenaria, rocce calcaree, montagne, fertili colline con risaie terrazzate, foreste di ogni genere - pluviali, aride, spinose e oltre 5000 km di costa. E che costa!

Insomma, qui c’è davvero tanto da fare e da vedere! Potrai infatti rilassarti su incredibili spiagge circondate da rocce vulcaniche e rigogliosa natura, ma anche lasciarti rapire dal fascino mitologico delle isole del Madagascar, come l’Ile de Sainte Marie, che si è guadagnata il titolo di Isola del Tesoro a causa delle scorrerie dei pirati dell’Oceano Indiano. E poi ancora percorrere le strade sterrate che attraversano il Canyon degli Tsingy Rossi, dove le formazioni calcaree rosse hanno creato nel tempo un paesaggio quasi lunare. Ma anche immergerti nei più di 15.000 ettari di foresta pluviale che custodiscono un patrimonio naturale immenso, tra cui lemuri, camaleonti e il fossa, che vive solo qui!

Che il Madagasar sia uno di quei posti da vedere almeno una volta nella vita, beh, a questo punto dovrebbe esserti chiaro. Ma sebbene questo sia una paese a dir poco paradisiaco, ci sono tutta una serie di consigli, avvertimenti e divieti che faresti meglio a conoscere onde evitare che la tua vacanza si trasformi in un vero e proprio inferno!
Scopriamo allora insieme tutto quello che devi sapere sul Madagascar!

 

 

Il periodo migliore per un viaggio in Madagascar

Innanzitutto va detto che le stagioni in Madagascar sono invertite rispetto alle nostre. Il che significa che durante l’inverno, cioè da maggio ad ottobre, il clima è secco e le piogge sono più rare, mentre durante l’estate (da novembre ad aprile) il clima si fa invece più umido e le piogge cadono abbondanti.

Senza contare che ci sono tre zone climatiche diverse che caratterizzano quest’isola africana. La zona costiera ad ovest è più secca e meno soggetta a precipitazioni, con un clima tropicale e piogge durante la stagione umida (estate australe), ma sempre più scarse scendendo verso sud. La zona interna degli altipiani ha invece un clima temperato, con temperature un po’ più rigide, soprattutto nelle zone con un’altitudine più elevata. Le piogge anche qui cadono essenzialmente durante il periodo novembre-aprile. La zona a sud poi è piuttosto secca, con scarse precipitazioni e temperature più elevate, con un clima semi-desertico. Negli ultimi anni i cambiamenti climatici hanno però dimostrato che si possono verificare, in via eccezionale, piogge anche durante la stagione secca.

Nonostante le temperature registrino dei valori medi gradevoli tutto l’anno, per un viaggio in Madagascar, è sempre meglio non dimenticare di mettere in valigia un capo di abbigliamento caldo ed una giacca impermeabile.

Ciò detto, il periodo migliore per visitare il Madagascar va da maggio ad ottobre, facendo attenzione al flusso turistico che si concentra soprattutto durante l’alta stagione malgascia, nei mesi di luglio ed agosto. Evitate i mesi da gennaio a marzo per le forti piogge, che in certe zone impediscono anche il transito a causa di danneggiamenti alle strade.

 

 

Documenti necessari per l'ingresso in Madagascar

Per entrare nel Paese è necessario essere in possesso di un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi.Si fa presente che in caso di smarrimento o furto dello stesso, per il solo rientro in Italia, viene rilasciato un documento di viaggio dal Consolato Generale di Francia a Antananarivo.
NB: chiunque si trovasse nelle condizioni di doverlo richiedere, dovrà però preventivamente rivolgersi alla corrispondenza consolare di Antananarivo o a quella di Nosy Be, per le procedure relative alla richiesta: in nessun caso il documento potrà essere richiesto e ottenuto direttamente in aeroporto.

Il visto d’ingresso è sempre invece necessario sia per turismo, sia viaggi di lavoro anche se entro i 90 giorni di permanenza nel Paese. Il visto necessario per entrare in Madagascar viene comunque rilasciato direttamente in aeroporto al momento dell’ingresso nel Paese dietro pagamento previsto dalla normativa locale.
NB: occorre sempre controllare che il passaporto abbia almeno una pagina vuota, senza timbri od annotazioni nella sezione riservata ai visti d’ingresso al fine di poter apporre, al momento dell'arrivo nel Paese, la vignetta di permesso di soggiorno temporaneo.

Si fa presente che è necessario anche essere sempre in possesso del biglietto aereo di ritorno.

 

 

Madagascar - Situazione sanitaria e assicurazione viaggio

Nonostante la presenza di diverse strutture ospedaliere, il sistema sanitario non è generalmente in grado di sostenere casi d’urgenza che prevedano interventi delicati e complessi. In tali casi si rende necessario un trasporto sanitario verso zone adeguatamente attrezzate, come il Sud Africa o La Réunion.

La Farnesina raccomanda per questo motivo di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.
È inoltre preferibile che l'assicurazione sanitaria garantisca l'opportunità di ottenere degli anticipi di denaro in caso di ricoveri ospedalieri. Spesso, infatti, nessuna prestazione sanitaria viene erogata da cliniche private senza il pagamento anticipato di un deposito (che talvolta può essere molto elevato).

 

Parti con Amerigo alla scoperta del Madagascar!
Calcola il tuo preventivo per Assicurazione Viaggio Madagascar


Durante la permanenza nel Paese la Farnesina raccomanda poi di mantenere sempre un elevato livello d’igiene personale e di adottare particolari misure preventive, tra cui: evitare di mangiare cibi crudi, bere acqua e bevande in bottiglia senza aggiunta di ghiaccio, non bagnarsi in fiumi e laghi d’acqua dolce a causa della biliarziosi.

Previo parere medico, poi, il consiglio è quello di vaccinarsi contro l’epatite A e B e contro la poliomielite. Se si è stati vaccinati contro la polio da bambini, ma non si è mai effettuata una dose di richiamo da adulto, si consiglia di provvedere alla dose di richiamo. Si precisa che gli adulti hanno bisogno di una sola dose di richiamo poliomielite durante la loro vita. Se si è stati completamente vaccinati da bambini o non si conosce il proprio stato vaccinale, si consiglia di rivolgersi al medico per effettuare la vaccinazione.

Quanto alle malattie, è attualmente in corso, in Madagascar, un’epidemia di morbillo che interessa in varia misura tutte le 22 regioni del Paese e considerata a rischio elevato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si raccomanda di verificare lo stato delle proprie vaccinazioni prima di mettersi in viaggio.

Sono stati registrati nel Paese anche casi sporadici di colera e rabbia, trasmessi dai cani randagi. La malaria è endemica soprattutto nelle zone costiere: per questo motivo si rende consigliabile pertanto, previo parere medico, la profilassi antimalarica. Anche la peste e la lebbra sono endemiche in alcune aree rurali estremamente arretrate.

Si raccomanda poi l'utilizzo di repellenti appropriati al fine di evitare i morsi di pulce nonché di evitare il contatto con carcasse di animali.

 

 

Madagascar - I consigli della Farnesina

La Farnesina segnala che, a causa della generale situazione di estrema povertà e di forti disuguaglianze che caratterizza il Madagascar, episodi di criminalità sono in aumento in tutto il Paese, compresa la capitale e le zone maggiormente turistiche, in precedenza relativamente più tranquille. Si registrano in misura crescente casi gravi di rapine e aggressioni a danno di cittadini europei, residenti e turisti. Si raccomanda pertanto la massima prudenza in generale, ed in modo particolare nelle ore notturne, lungo le principali strade (tra cui RN7, RN27, RN10, RN1B) e nelle zone a sud del Paese, dove è presente il fenomeno del banditismo e le condizioni in cui versa la popolazione sono particolarmente disagiate.

In generale la Farnesina consiglia di segnalare sempre all'arrivo nel Paese la propria presenza all'Ambasciata d’Italia a Pretoria, di avvalersi di pacchetti di viaggio organizzati e con guide locali e di portare con sé una fotocopia del proprio passaporto, conservando l’originale in luogo custodito.

Si raccomanda inoltre di non indossare né mostrare oggetti di valore (gioielli, macchine fotografiche ecc.), evitare assembramenti e manifestazioni, e di attenersi scrupolosamente, durante la permanenza, agli eventuali suggerimenti forniti dalle Autorità locali.

In Madagascar, come in altri Paesi dell’area, sono presenti alcune specie di piante e di animali pericolosi. Si suggerisce, pertanto, di osservare gli eventuali avvertimenti impartiti al riguardo da parte delle Autorità locali, di Tour operator e di strutture ospitanti.